2 ragioni e tre modi per saltare gli exchanger bitcoins – Cointelegraph

2 Reasons and 3 Ways to Ditch Bitcoin Online Exchanges
Tratto e liberamente ampliato** dall’articolo di Joël Valenzuela – Cointelegraph.com – 01/03/2016

Gli exchanger o piattaforme di scambio criptovalute, hanno sicuramente avuto un ruolo importante nei primi giorni del Bitcoin, e continuano a tutt’oggi ad essere ampiamente utilizzati per il loro acquisto e la loro vendita . Tuttavia, essi non sono privi di inconvenienti, e alcuni utenti cercano metodi alternativi per ottenere  Bitcoin. Gli utenti cercano di evitare scambi per due motivi principali:

Privacy

Le piattaforme exchanger centralizzate chiedono agli utenti di rivelare la loro identità e presentare ulteriori dati personali. Secondo Josh Harvey, co-fondatore di Lamassu, ciò è sufficiente per dissuadere più di qualcuno dal servirsene.

“Gli exchanger on-line sono regolamentati e richiedono un processo di registrazione lungo che coinvolge un sacco di scartoffie e la presentazione di documenti privati ​​sensibili. Chiunque utilizzi tali servizi sa bene che queste informazioni sono al sicuro, ma accessibili al Governo.”

Transazioni istantanee

Le transazioni attraverso le piattaforme di exchanger online non sono per niente  istantanee. Oltre al processo di registrazione iniziale , le operazioni prendono  tempi aggiuntivi per elaborare i dati e dare l’approvazione. Per fare un esempio secondo Eric Grill di CoinOutlet, potrebbero volerci 5-7 giorni lavorativi per essere operativi con  Bitstamp, escluse le procedure iniziali di antiriciclaggio (AML / KYC).

Il dealer e operatore BTM Luca Dordolo sostiene che i tempi siano ancora più lunghi .

“ Considerando i tempi di registrazione e quelli di verifica e approvazione della conformità alle normative internazionali antiriciclaggio AML/KYC da effettuarsi, significa perdere almeno e nel migliore dei casi, una settimana/10 giorni lavorativi per essere pronti ad operare con un exchanger.”

Tre sono i metodi alternativi individuati per ottenere Bitcoin senza gli svantaggi delle piattaforme exchanger:

**Per quegli utenti che utilizzano i bitcoin in maniera estemporanea  per fare piccoli acquisti, scommesse, gioco  online od anche che acquistino importi più consistenti a scopo investimento e speculazione, diventa alla fine più veloce, immediato, sicuro e rispettoso della privacy, servirsi dei BTM, ove ve ne fossero nelle immediate vicinanze, o di un dealer fidato per scambi rapidi di persona od online.

BTM (Bitcoin Bancomat)

Secondo Dordolo, l’utilizzo di BTM come il suo Lamassu abilita “la possibilità di acquistare Bitcoins anonimamente e nella maniera più sicura e veloce.”     Grill considera la natura istantanea delle transazioni assere il più grande vantaggio dei BTM .

“Non devi fare bonifici oltreoceano o internazionali (che costano!) o collegare un tuo conto bancario a un exchanger, semplicemente ci metti le  banconote e ricevi i tuoi bitcoin istantaneamente.”

A parere di Grill, la maggior barriera all’uso dei BTM, quella di trovarne uno vicino, sta rapidamente scomparendo.

“Sta diventando sempre più facile. Coinatmradar.com, Airbitz e altri siti o directory li rendono  più facili da trovare, e siccome se ne stanno istallando sempre di più, sarà sempre più facile accedervi per la gente come già fanno con i bancomat tradizionali  (che la gente preferisce usare piuttosto dello sportello cassa in banca).”

Meetup locali

 Frequentare un meetup locale di appassionati di criptovaluta può essere agevole per trovare un acquirente o il venditore per un acquisto di Bitcoin di persona . Secondo Harvey, questo elimina le due principali preoccupazioni di utilizzare le piattaforme on line centralizzate.

“ Penso sia una questione di privacy e convenienza … I processi di accesso agli exchanger portano via tempo e i nuovi utenti  potrebbero dover aspettare giorni o settimane prima di poter comprare bitcoin. Con un meetup devi solo farti vedere con i soldi e cambiare al volo in bitcoin.”

Peer-to-peer exchangers

Un’ alternativa agli exchanger online centralizzati sono quelli peer-to-peer, che lavorano facilitando la connessione tra compratori e venditori  online in maniera semplificata che ricorda quella dei meetup locali . Robert Genito, CEO di Genitrust, dice che questo è un miglioramento rispetto agli scambi tradizionali, che sono sempre troppo complicati per l’utente medio e casuale .

“ La maggioranza dei clienti con cui ho parlato non riescono neanche a capire come utilizzare gli exchanger tradizionali. La maggior parte di loro non fanno trading giornaliero come hobby, e questi siti sono completamente diversi da ciò che si aspettano per comprare Bitcoin. La gente si aspetta semplicemente di dire quanta valuta a corso forzoso ( euro dollari sterline) sta cercando di spendere e poi vedere quali siano le opzioni -. Un po’ come lavorano Travelcity e Expedia”

Genito aggiunge che gli exchanger decentralizzati possono velocizzare il processo di acquisto di bitcoin on line .

“Il primo vantaggio nell’utilizzo di servizi come  Wall of Coins è la velocità e il costo. Ottieni i Bitcoin che hai ordinato immediatamente dopo che il pagamento è verificato e lo stesso per avere i soldi per i tuoi bitcoin. Con tutte le piattaforme exchanger devi aspettare minimo ore per avere i bitcoin. Con qualcuno di loro addirittura giorni. Per quanto velocemente la quotazione del Bitcoin si muove, nessuno ha tempo di aspettare così a lungo.”

** Gli ampliamenti e le considerazioni personali sono scritti in corsivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.