13 giugno 2014 – di Wall Street Italia – Silk Road, l’FBI venderà i Bitcoin sequestrati all’asta

http://www.wallstreetitalia.com/browsercache.aspx?path=/img/logo_WSI_v4.gif&v=1
https://i2.wp.com/www.zerohedge.com/sites/default/files/images/user3303/imageroot/2014/06/20140612_FBIBTC.jpg?resize=473%2C541
QUESTA E’ UN OTTIMA OCCASIONE DI INVESTIMENTO, I BITCOIN MESSI ALL’ASTA IN BREVE SONO UNA PICCOLISSIMA PARTE DELL’ATTUALE VOLUME GIORNALIERO SCAMBIATO (1%) E VERRANNO RIASSORBITI IMMEDIATAMENTE. ANCHE CALCOLANDO DOVESSERO IMMETTERE SUL MERCATO L’INTERA SOMMA DI BITCOIN SEQUESTRATI (144.000 BTC CIRCA) SI PRODURREBBE UN CALO DEL 16% CHE SAREBBE RIASSORBITO IN 24 ORE. BEN VENGANO QUINDI QUESTE OPPORTUNITA’ E CHI NE HA SPENDA ED INVESTA. QUESTO E’ ALMENO IL MIO PARERE…

<

13 giugno 2014 – di Wall Street Italia – Silk Road, l’FBI venderà i Bitcoin sequestrati all’asta
Si tratta della moneta sequestrata a seguito delle indagini dell’Fbi sul mercato nero della SILK ROAD “Via della Seta”.

NEW YORK (WSI) – Scivolone per le quotazioni del Bitcoin, che sono scese fino a -6%, sfondando al ribasso della soglia a $600, per la prima volta da maggio. La flessione va attribuita all’annuncio degli U.S. Marshals (divisione di polizia federale negli Usa),. di mettere all’asta i Bitcoin sequestrati nelle indagini dell’Fbi sulla “Via della seta”, il mercato nero online in cui veniva trattata la moneta virtuale.

Di fatto, il governo americano si appresta a mettere all’asta una quantità superiore ai 30.000 Bitcoin, per un valore di quasi $18 milioni, ai prezzi correnti di mercato. L’asta sarà effettiva il prossimo 27 giugno, dalle 6 alle 18 ora di New York, stando a quanto reso noto da un comunicato dello US Marshals Service.

L’ammontare rimane una frazione rispetto a tutti i Bitcoin che il governo ha sequestrato, pari a una quantità complessiva di 144.341 bitcoin.

Altra notizia che interessa la moneta è la decisione di Expedia, società di viaggi online, di accettare i Bitcoin nei pagamenti. In un comunicato Michael Gulmann, vice direttore generale globale di Expedia, ha sottolineato che la società si trova in una “posizione unica” per “offrire soluzioni ai clienti per le prenotazioni”, adottando le “ultime tecnologie nei pagamenti”.

Gulmann ha precisato però al Wall Street Journal cher Expedia non deterrà Bitcoin, ma li convertirà in dollari Usa ogni 24 ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *