la Truffa in bitcoin dell’ estorsione a sfondo sessuale

Quasi un milone di dollari in bitcoin dagli imbarazzati guardoni

Un tempo la paura di diventare ciechi fungeva da deterrente per chi eccedeva con pratiche onanistiche o di auto-piacere . Ora la paura più grande sembra quella di non essere più in grado di guardare direttamente negli occhi i tuoi colleghi, amici e parenti se un video compromettente di te arriva nelle loro caselle di posta elettronica. I truffatori lo hanno capito e stanno estorcendo bitcoin alle vittime per ricavarne una fortuna. Secondo un’indagine condotta dalla società di cibersecurity Area 1, gli estorsori del sesso hanno finora introitato quasi 120 bitcoin per un controvalore di circa 855.000 euro (949.000 Usd) . Inizialmente riportato da Fortune, il rapporto afferma che il pagamento medio da parte delle vittime di questo particolare tipo di truffa è di 0,073 bitcoin (circa 525 euro).

Come avviene il tentativo di estorsione

Tipicamente, l’email che i truffatori inviano alle loro vittime è formidabile. Gli estorsori avvertono infatti le potenziali vittime che possiedono dei video di loro mentre guardano siti o video porno . Dichiarano di aver ottenuto il video installando un malware (virus) su un sito porno che la vittima ha quindi scaricato involontariamente sul proprio dispositivo. I truffatori dicono che hanno registrato la vittima mentre si impegnava nella masturbazione tramite la propria webcam. In genere affermano anche di essere stati in grado di ottenere contatti social e professionali usando il malware e minacciano pertanto di inviare i video a tutti i contatti della vittima. Nella parte inferiore dell’email, comunicano quindi un importo da inviare a un indirizzo bitcoin dando come tempo massimo un giorno per effettuare il pagamento. In caso contrario, minacciano di inviare il video che affermano di aver registrato, a colleghi e parenti stretti. Promettono di cancellare il video se il pagamento è stato effettuato.

Per convincere le loro vittime, gli estorsori includeranno la password della vittima nell’e-mail di ricatto. Tuttavia, il più delle volte, i truffatori hanno ottenuto la password della vittima da una vecchia violazione dei dati.

Nel solo mese di maggio sono state ricevute oltre 1.443 segnalazioni di questo tipo di truffa. NON rispondere e NON pagare: ciò evidenzia solo che sei vulnerabile e potresti essere di nuovo preso di mira. Inoltre questa estorsione è una vera e propria truffa . Non hai preso nessun malware e non è vero che i truffatori sono in possesso dei video di te nè della rubrica con i tuoi contatti social ed email. Se fosse come scrivono ti manderebbero il video incriminato come prova . Qui la storia completa: https://www.actionfraud.police.uk/news/fraudsters-are-continuing-to-send-victims-their-own-passwords-in-sextortion-scam

I truffatori hanno anche dimostrato una certa raffinatezza nell’eludere i filtri impostati dai principali provider di posta elettronica. Per Area 1, una delle tecniche che hanno impiegato è quella di incollare le righe di scrittori famosi nel testo invisibile dell’email. Il rapporto di Area 1 è corroborato da un’indagine precedente della società di cybersecurity Digital Shadows che a partire da settembre 2018, il top indirizzo Bitcoin utilizzato dai truffatori aveva ricevuto oltre 480 bitcoin.

Gli USA sono in cima alla classifica delle vittime di questa truffa

Secondo Bitcoin Who’s Who, nel settembre 2018 tali truffe di estorsione a sfondo sessuale erano state segnalate in 42 paesi in cui gli Stati Uniti hanno fatto la parte del leone con il 30% del totale. Tra i paesi favoriti dai truffatori anche il Regno Unito era in cima alla lista con il 6% dei casi e i recenti report indicano che che il fenomeno è in crescendo.

I Paesi favoriti dai truffatori/estorsori . Fonte Bitcoin Who’s Who

Proprio questo mese, il centro di segnalazione nazionale per la criminalità informatica e la frode del Regno Unito , Action Fraud, ha rivelato che erano stati segnalati oltre 149 casi di reati di questo genere. Molti altri casi non vengono però segnalati dalle vittime, perchè di solito sono troppo imbarazzati per renderli pubblici denunciandoli.

Fonte : CoinCriptoNews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.