Niente IVA sui Bitcoin in Svizzera – 12/06/2015

12 Giugno 2015

Niente IVA sui Bitcoin in Svizzera

o.265485.549971

Anche se la notizia ha ormai una quindicina di giorni, ritengo che sia utile riportarla perchè aggiunge un altro tassello all’orientamento prevalente dei governi e delle giurisdizioni europee riguardo alla criptovaluta ed alla possibile applicabilità di una tassazione su di essa. La cosa non è per niente banale in quanto uno dei maggiori pregi, ma anche delle maggiori fonti di difficoltà ad inquadrarla, è la capacità del Bitcoin di essere contemporaneamente moneta (pur con volatilità importante), asset o prodotto finanziario (azioni-shares tassabili per capital gain o con imposte sul valore aggiunto) e strumento di pagamento (alla pari e addirittura meglio di carte di credito, paypal, bonifico ecc.) Diversamente da quanto pare sia l’orientamento USA dove, tentativi di regolamentazione ed inquadramento del BTC come bene soggetto a tassazione, sull’esempio della Bit Licence adottata in quel di New York che sta però provocando la fuga degli operatori da quel territorio, in Europa del nord (Baltici e Scandinavia), così come recentemente in Spagna, l’orientamento è invece quello di non considerarne l’aspetto di bene o prodotto ivabile, evitando che ciò incida pesantemente sul suo valore complessivo e conseguentemente sullo scambio e sulla sua diffusione . Ora quindi anche la Svizzera pare orientata verso questo atteggiamento e a riportarcelo è l’Associazione Bitcoin Svizzera che ha pubblicato un comunicato che di seguito riporto:

“Ci sono ottime notizie dalla Ufficio Imposte Federale Svizzera (ESTV): sui Bitcoin in Svizzera l’IVA non si applica.

‘Questa è un’ottima notizia per i Bitcoin in Svizzera in quanto fornisce la certezza del diritto sulla quale dobbiamo operare professionalmente il nostro business’,  commenta Niklas Nikolajsen, CEO di Bitcoin Suisse AG.

Nel mese di febbraio 2014, un gruppo di tre organizzazioni svizzere sul Bitcoin ha scritto congiuntamente una richiesta formale per l’Amministrazione federale delle contribuzioni (AFC) per chiarire la situazione giuridica di Bitcoin per quanto riguarda l’IVA.

Fondamentalmente il quesito era se il trasferimento di Bitcoin costituisca  una consegna di beni o servizi soggetto a IVA. Fortunatamente la risposta dell’erario federale è:  nessuno dei due.
Bitcoin_w_US_Currency_Full_Wide
Così, i Bitcoin sono trattati esattamente come altri mezzi di pagamento. Una società che vende Bitcoin non ha bisogno di applicare l’IVA. I Bitcoin sono riconosciuti e presi in considerazione come le altre valute, quando vengono utilizzati per l’acquisto di beni o servizi. Questo significa che pagare una pizza con Bitcoin non è un baratto e non può innescare doppia imposizione. Bitcoin La negoziazione di Bitcoin con franchi svizzeri è valutata invece come scambio di moneta legale contro un mezzo non ufficiale di pagamento – simile allo scambio di franchi svizzeri per euro. Inoltre, le spese di transazione praticati dalle aziende come Bitcoin Suisse AG sono coperti dalle deroghe di cui all’articolo 21 comma 2 della legge IVA svizzera e sono quindi IVA esenti.

Luzius Meisser, presidente dell’Associazione Bitcoin Svizzera, afferma: ‘Questo è il modo più ragionevole per classificare Bitcoin nel contesto dell’IVA e siamo fortunati che l’amministrazione fiscale è d’accordo con la nostra visione. Bitcoin è una moneta, e quindi dovrebbe essere trattata come una valuta ‘.

‘Trattare pagamenti Bitcoin proprio come qualsiasi altra forma di pagamento è una pietra miliare per il Bitcoin nell’economia svizzera ed arricchisce l’ecosistema globale del denaro digitale’ ha aggiunto Bernhard Kaufmann, il Direttore Generale di Moving Media GmbH.

Per l’Unione europea, di cui la Svizzera non fa parte, la questione è ancora in sospeso, con la Corte di giustizia europea in procinto di una audizione sulla questione il 17 giugno, secondo Bitcoin.se.  Mathieu Buffenoir, vice-presidente dell’Associazione Bitcoin Svizzera, commenta: ‘Ci auguriamo che la decisione svizzera possa servire come fonte di ispirazione per l’Europa.’

Disclaimer: tecnicamente, questa risposta è solo giuridicamente vincolante per le parti che hanno fatto la domanda – ma una risposta diversa per gli altri è improbabile grazie al principio costituzionale di uguaglianza di fronte alla legge. Questa decisione potrebbe anche essere impugnata in tribunale, cosa che nessuno intende fare. Inoltre,  il presente comunicato stampa è libero e senza supervisione di un ufficio legale. “

Gavrilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.