Niente panico, Bitcoin crash non è certo una novità

Liberamente tradotto da 

04/04/2018 –  C. Edward Kelso

Il primo trimestre del 2018 si è concluso confermandosi come il peggiore nella storia dei prezzi sul bitcoin. Poco meno di 115 miliardi di USD nella capitalizzazione di mercato sono andati persi e quasi la metà del suo valore dall’inizio di quest’anno è sparito. Per coloro che sono relativamente nuovi all’ecosistema, potrebbe sembrare il momento di andare nel panico o almeno di incassare ciò che resta degli investimenti iniziali. Ma , come cita un recente studio da parte degli aggregatori di informazioni finanziarie su howmuch.net, la criptovaluta più famosa al mondo potrebbe tornare presto in voga ed il recente crash del Bitcoin non è altro che un territorio familiare per i veterani che se ne occupano. Howmuch.net ha infatti recentemente pubblicato un monitoraggio dei peggiori crash dei prezzi del bitcoin intitolandolo: ” Visualizzazione della storia dei crash Bitcoin: gli hodlers sono pronti per la prossima risalita ?”, dove si cerca di mettere in prospettiva la natura ciclica della volatilità della valuta decentrata. “L’ultimo  Bitcoin crash ha convinto alcuni investitori a credere che la” fine dei giorni sia vicina”, ha iniziato l’autore del post, Paul. “Questo, nonostante  gli hodlers fiduciosi e gli operatori di settore   esprimano  la valutazione che invece ciò indichi solo che il mercato della criptovaluta potrebbe trovarsi di fronte a una nuova normalità. Così, se l’ultimo crash è stato doloroso, è meglio fare un passo indietro e valutare lo stato attuale del Bitcoin rispetto al suo passato. Il Bitcoin si è “schiantato” molte volte nel corso degli ultimi anni, ma come si sta comportando in questa ultima recessione rispetto al passato ? ”

Bitcoin’s Latest Crash is Nothing NewUtilizzando fonti pubblicamente disponibili, il post illustra una dozzina di altre volte in cui il bitcoin è caduto in picchiata. I sell-off sono racchiusi tra una scatola e un frammento di tempo. “Usando la coppia Bitstamp Bitcoin-to-US-Dollar (BTC / USD), il nostro team ha scoperto gli alti e bassi specifici dei precedenti crash risalendo fino a gennaio 2012. Utilizzando una freccia blu, abbiamo evidenziato la percentuale di valore perso durante ogni svendita. Infine, abbiamo misurato la durata di ciascun periodo di crash specifico contando il numero di giorni in cui la correzione è arrivata alla fine “, hanno spiegato. Ciò che è immediatamente chiaro è la resilienza del bitcoin. Sebbene un lettore possa facilmente vedere il grafico come una gigantesca bandiera rossa che mostra troppe correzioni pesanti e possa ritenere che la questione non ne valga la pena, gli entusiasti sono in grado di prendere coraggio perché “questo non è un evento insolito per Bitcoin. Da gennaio 2012, ci sono state tredici correzioni o arresti anomali in Bitcoin, inclusa l’ultima. Le perdite sono state minime del 30% e gravi fino all’ 87% durante questi periodi di panico. Rispetto ai suoi eventi passati, quest’ultima correzione non è stata nemmeno così severa o dolorosa come in passato. “Niente di nuovo finora quindi, la correzione attuale sembra in linea con la storia del bene preso in considerazione. Stando alle visualizzazioni mostrate, le correzioni di solito durano solo pochi giorni, con un grosso chunk in meno di quattro giorni. Ma, ci sono stati tratti più lunghi, di sicuro. Dalla fine del 2013 fino all’inizio del 2015 per esempio, e che ovviamente include tutto il 2014, il ritardo nel prezzo è durato 411 giorni. Il prossimo più lungo è il nostro attuale ultimo preso in considerazione, e non è neanche lontanamente vicino alle terribili difficoltà dei giorni a tre cifre. “Il punto è che i crash sono diventati relativamente comuni in tutto il mercato delle criptovalute, che è noto per la sua rapida volatilità. È importante rivolgersi ai dati e ai fatti in tempi di crisi, piuttosto che affidarsi alle proprie emozioni “, insiste la squadra. Potrebbe essere vero che i nuovi investitori della fine dell’anno scorso se ne sono andati e forse per sempre, ma probabilmente non avevano alcun business coinvolto nella criptovaluta in primo luogo. E mentre la serie attuale potrebbe benissimo andare avanti ancora per un po ‘, quelli appassionati di progetti inerenti il Bitcoin  sono per lo più a lungo termine, anticipano una corsa al rialzo o forse solo speranza in un minor numero di cadute di prezzo.

2 pensieri su “Niente panico, Bitcoin crash non è certo una novità”

  1. Niente panico: sempre meno persone che fanno economia reale e sempre più speculatori popolano Bitcoin.
    L’armageddon è sarà la prassi.

    1. Non è un problema di economia reale o di speculazione secondo me, ma è comunque una bella lezione agli speculatori che vorrebbero fagocitarsi il bitcoin. Per chi come gli hodler ( me compreso), i crash sono un evento naturale dopo le salite vertiginose, non è un problema anzi, è un opportunità. Viceversa per chi, anche grosse balene del trading come stavolta, volevano speculare, sono rimasti con le grinfie tagliate …. Tanto il prezzo risalirà di nuovo, basta saper aspettare…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.