Fuori dall’ Euro : Bufala (greca) o Pesce (d’aprile) purchè sia Bitcoin – La Repubblica 01 aprile 2015

Fuori dall’Euro : Bufala (greca) o Pesce (d’aprile) purchè sia Bitcoin

pesce_di_aprile_00005
Riporto di seguito la notizia lanciata da Repubblica, quotidiano noto e accreditato in Italia per le clamorose bufale che pubblica con una frequenza pressochè continua. E’ la testata ufficiale del PD infatti, la prima a pubblicare la notizia per cui il ministro ellenico dell’economia, Yanis Varoufakis, abbia deciso stamane di abbandonare l’euro per il bitcoin, tranne poi sottolineare che trattavasi di pesce d’aprile. Che Varoufakis fosse amico delle Bitcoin già si sapeva, viste anche recenti e molto serie ipotesi e seguenti interviste su una criptomoneta ellenica basata sul bitcoin e sulla blockchain , ma di fatto controllata dallo Stato greco, come toccasana per la grave crisi in cui versa il paese. Il pesce d’aprile odierno però pare qualcosa di più di una semplice burla all’indirizzo dei tedeschi e dell’Europa delle banche  e anche nella sua elaborazione si può intuire che un pensierino Varoufakis lo sta facendo seriamente sul Bitcoin.  Altro che “Pinocchio” Renzi e quei “pallonari” di Repubblica!
Buona lettura
Gavrilo

“Grecia fuori dall’euro, scegliamo il Bitcoin”. Il pesce d’aprile di Varoufakis

Il ministro delle Finanze ellenico ha rilanciato sul suo profilo un pezzo di Greekreporter che inscena la clamorosa decisione del governo di Atene. Nella fanta-ricostruzione, la scelta per la criptomoneta legata alla volontà di sfuggire ai diktat della Troika.

di ETTORE LIVINI

MILANO – “Basta, non ne possiamo più. Da domani la Grecia uscirà dall’euro e adotterà come valuta la Bitcoin. Soffriremo un po’ all’inizio, ma poi la nostra economia avrà solo da trarne giovamento”. Parola di Yanis Varoufakis, il ministro delle finanze di Atene. Che questo pomeriggio alle 14.29 ha twittato al pianeta la clamorosa decisione del suo paese, messo alle corde da uno sfibrante e interminabile confronto con l’ex Troika che – ormai è chiaro a tutti – non si chiuderà nemmeno per Pasqua. L’ora però non è l’unica cosa che conta. Più importante, se possibile, è la data: primo aprile. Ricorrenza che l’ecclettico economista prestato alla politica ha festeggiato facendo rimbalzare sui social planetari la “bufala” rimandata in rete dal sito Greekreporter. “Buon primo aprile a tutti” ha chiosato divertito Varoufakis sul suo profilo.

Il pezzo – introdotto da un emblematico disegno in cui il potentissimo ministro ellenico regge in mano come un’ostia una nuova moneta dell’era Bitcoin – è prodigo di particolari sulla storica decisione: l’annuncio è stato fatto durante “un incontro super-riservato tra gli ambienti più vicini al ministro”.

“Siamo sempre stati avanti rispetto al resto del mondo – avrebbe detto in questo fanta-summit lui stesso –. Il futuro inizia da qui e per una volta l’avremo deciso noi senza che nessuno ci abbia imposto la scelta”. Critica nemmeno troppo velata al governo Samaras, reo di essersi fatto dettare l’agenda economica dai creditori.

L’architettura della transizione alla Bitcoin, come ci si aspetta da un professore universitario di economia, è curata nei dettagli. La criptovaluta sarà introdotta garantendo a tutti i greci una carta con chip su cui caricare stipendi e pensioni. I turisti potranno acquistarla a tutte le frontiere al prezzo di favore di 45 euro (0,2 Bitcoin). Il premier Alexis Tsipras, continua lo scoop di Greekreporter, sarebbe stato inizialmente tiepido sull’iniziativa, forse perché meno digitalizzato di Varoufakis. Alla fine però non ha potuto dire di no. “E’ il metodo migliore per combattere corruzione ed evasione – l’ha convinto il suo braccio destro – lo Stato potrà così monitorare ogni singola transazione”.

La decisione sarebbe stata accelerata dagli ennesimi commenti al vetriolo di Wolfgang Schaeuble sull’economia ellenica, dice Greekreporter. “Vogliono piegarci – dice lo pseudo Varoufakis nel pezzo – dicono che non abbiamo idea di come salvarci. Bene, eccoli serviti. Il Bitcoin è la soluzione per il nostro futuro”. Il prossimo eurogruppo per discutere di Grecia – chiude il sito – è previsto tra due settimane. Nel frattempo ci si può sedere a tavola. Il pesce (d’aprile) è servito, per gentile concessione di Yanis Varoufakis.

(fonte Repubblica)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.